Artificialy: una start-up per portare più intelligenza artificiale in Ticino

Foto di Markus Spiske da Pexels
Foto di Markus Spiske da Pexels

Servizio comunicazione istituzionale

26 Ottobre 2020

Nata in pieno lockdown da COVID-19, la start-up ticinese Artificialy è ormai una realtà. Fondata da Luca Maria Gambardella, professore USI, e Marco Zaffalon, professore SUPSI, con il sostegno di un gruppo di investitori privati e istituzionali, ha l’obiettivo di avvicinare l’AI, l’intelligenza artificiale, al mercato e in particolare alle piccole e medie imprese.

La nuova start-up, che conta per ora sette dipendenti, non nasconde la sua ambizione ad ingrandirsi nel campo dell’AI creando soluzioni innovative nel mondo del business e dell’industria.

Lo scopo ultimo di Artificialy è quello di avvicinare sempre più il mercato all’intelligenza artificiale e per farlo mira a servirsi di prodotti e progetti che possano essere adatti alle logiche e alle esigenze del mercato, spiega Luca Maria Gambardella in un’intervista al Quotidiano RSI.

Potete trovare l’intervista completa qui https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/L%E2%80%99intelligenza-artificiale-a-Lugano-13495396.html