Approvata l'affiliazione dell'Istituto di ricerche solari Locarno all'USI

Servizio comunicazione istituzionale

Nella sua seduta del 18 febbraio 2020 il Gran Consiglio ticinese ha approvato il messaggio concernente l’affiliazione dell’Istituto ricerche solari di Locarno (IRSOL) alla Facoltà di scienze informatiche dell'Università della Svizzera italiana (USI). “L’affiliazione ci consentirà di sviluppare un filone di ricerca nella fisica solare e di rafforzare la nostra strategia di sviluppo di un polo di eccellenza nella scienza computazionale, che dal 2008 è presente all’USI con il suo Istituto di scienza computazionale (ICS) e i suoi molteplici gruppi di ricerca” – afferma il Rettore dell’USI Boas Erez, che sottolinea anche di essere lieto di “rafforzare la presenza dell’USI nel Locarnese”. Tale affiliazione, d’altro canto, consentirà all’IRSOL di ottenere lo statuto universitario e di continuare così ad accedere ai sussidi federali previsti dalla Legge sulla promozione della ricerca e dell’innovazione (LPRI).

L’affiliazione dell’IRSOL all’USI è l’ultima tappa, in ordine temporale, di un processo di avvicinamento che parte da lontano e che ha visto l’istituto locarnese profilarsi sempre più a livello internazionale nell’affascinante campo della fisica solare, grazie anche alla sua capacità di collaborare in rete – si veda ad esempio il suo ruolo nel progetto europeo SOLARNET [leggi notizia qui] – e di sviluppare competenze accademiche solide e riconosciute non solo nell’osservazione dei fenomeni solari, ma anche nella relativa analisi e modellizzazione di dati. Queste attività, in particolare, sono il frutto anche della collaborazione pluriennale con l’Istituto di scienza computazionale dell’USI (Facoltà di scienze informatiche) e con il Centro svizzero di calcolo scientifico (CSCS) dell’ETH Zürich, collaborazioni che hanno contribuito all’atto di associazione dell’IRSOL all’USI già a fine 2015 [leggi articolo qui]. Questo percorso di avvicinamento è testimonianza ulteriore del ruolo dell’Università della Svizzera italiana quale polo di attrazione e fulcro di una rete di istituti del territorio, all’insegna della densificazione e valorizzazione del tessuto di ricerca del Cantone.

***

L’IRSOL nasce nel 1984 per continuare l’attività di ricerca nella fisica solare svolta a Locarno a partire dal 1960 dall’Osservatorio Solare di Göttingen e gestire la relativa strumentazione scientifica. Dal 1987 è retto dalla Fondazione Istituto di ricerche solari Locarno (FIRSOL) nel cui Consiglio di fondazione sono rappresentati il Cantone Ticino (4 membri), la Città di Locarno (3 membri) e l’Associazione Istituto ricerche solari Locarno (2 membri). Alla fine del 2015 è stato siglato l’accordo di associazione all’USI. Oggi l’IRSOL occupa 15 collaboratori per un totale di circa 10 posti a tempo pieno e dispone di finanziamenti per un totale di 1.2 mio di franchi (dato al 31.12.2019), provenienti per circa la metà da fondi di ricerca competitivi. L’Istituto ha sede sulla collina di Locarno in un edificio adiacente al telescopio solare recentemente rinnovato grazie ai fondi acquisiti da una donazione privata. La struttura offre spazi sufficienti per lo sviluppo dell’istituto nei prossimi anni.

Negli anni IRSOL ha provveduto a ricostruire e a migliorare il telescopio solare esistente in stretta collaborazione con l’Istituto di Astronomia del Politecnico Federale di Zurigo (ETHZ). L’installazione a Locarno del polarimetro ZIMPOL sviluppato all’ETHZ ha permesso all’IRSOL di divenire rapidamente un centro di competenze internazionali nella misura della polarizzazione della radiazione solare. Notevole è stato, inoltre, lo sviluppo di una stretta cooperazione con l’ICS e di collaborazioni con la Scuola di ingegneria di Yverdon, con la Scuola universitaria professionale della Svizzera nord-occidentale, con l’Osservatorio dell’Università di Ginevra. La recente nomina al Politecnico Federale di Zurigo di una professoressa di fisica solare, direttrice dell’Osservatorio di misura della radiazione solare di Davos, apre importanti prospettive in questo campo per una rinnovata collaborazione con l'ETH di Zurigo. Infine, dal gennaio di quest'anno è entrato in vigore un nuovo accordo con la SUPSI per una collaborazione scientifica vertente sullo sviluppo di strumentazione scientifica relativa alla spettro-polarimetria incentrato sulle tecnologie ZIMPOL e depFET, quindi sullo sviluppo di sistemi elettronici applicati al campo relativo ai sistemi strumentali per l’osservazione solare.

Per altre informazioni: www.irsol.ch

Sections